La nostra storia

Gli inizi

grid_transmission

Il mercato elettrico europeo si sta sviluppando molto velocemente. Liberalizzazione, internazionalizzazione, differenziazione del prodotto…Questa rapida evoluzione ha creato molte opportunità, ma anche tanta confusione.

Come si passa da un fornitore all’altro? Com’è possibile scegliere quale energia acquistare, se poi l’energia corre tutta sulla stessa rete elettrica? Quale fornitore e che tipo di energia dovrei scegliere? E in che modo il mio consumo energetico influisce sulle mie emissioni di CO2?

La risposta a queste domande dipende oggi da dove si vive. Molti persone acquistano energia rinnovabile perché vogliono cambiare le cose. Fare la differenza é però difficile se consumatori in diverse parti del mondo ricevono consigli diversi e contraddittori.

Fino a poco tempo fa nessuno coordinava la posizione delle associazioni ambientali e dei consumatori, ma oggi questo é cambiato.

Verso un approccio comune

Nel 2010 il Fondo Estone per la Natura, il Fondo Lettone per la Natura, l’Associazione Finlandese per la Protezione della Natura, Ecoserveis e AccioNatura dalla Spagna, Bellona Russia, e 100% Energia Verde e REEF dall’Italia hanno scelto di unire le proprie forze per sviluppare una certificazione internazionale per l’elettricità sostenibile.

recs_market_meeting

Durante il RECS Market Meeting del 2012 (Amsterdam) abbiamo presentato la prima bozza del testo istitutivo ai rappresentanti del settore elettrico. Da sinistra verso destra: Mieke Langie (WindMade), Steven Vanholme (EKOenergia), Ivan Scrase (RSPB), Jennifer Martin (Green-e), Eero Yrjö-Koskinen (Associazione Finlandese per la Protezione della Natura) e Jared Braslawsky (RECS International).

Fin dall´inizio, trasparenza e coinvolgimento furono alla base del processo. I membri seguirono la procedura prescritta dall´ISEAL Code of Good Practice for Setting Social and Environmental Standard (Buone pratiche per l´instituzione di standard ambientali e sociali) e si ispirarono all´approccio utilizzato dall´etichetta nord americana Green-e.

Tra il 2011 e il 2012 furono consultati oltre 400 stakeholders: produttori di energia elettrica, fornitori, consumatori, ONG ambientaliste e autorità. Lanciammo inoltre una consultazione pubblica.

Alla fine del 2012, le organizzazioni ambientali coinvolte decisero di creare la rete EKOenergy. Istituirono anche un Comitato Tecnico, per ricevere parere sui progetti da attuare. Il 23 febbraio 2013, il Consiglio di EKOenergy approvò il testo istitutivo della coalizione ‘EKOenergy – Coalizione e marchio’.

Realizzazione

2013: fu lanciata EKOenergy ed istituito il segretariato, con il compito di promuovere e gestire la certificazione energetica. Fu formata una squadra di volontari e stagisti provenienti da molti paese: ci sono molte possibilità che il nostro team parli la tua lingua. Inizialmente ci concentrammo su Finlandia, Spagna, Italia e Lituania.

Leggi il nostro report annuale 2013

2014: Fummo attivi su diversi fronti: la coalizione EKOenergy si espanse, includendo Germania, Francia e Polonia. Iniziammo ad utilizzare i social media e ci unimmo alla campagna internazionale 100% energia rinnovabile. Donammo inoltre i primi introiti del Fondo per il clima ad un progetto in Tanzania sull´energia solare e ad un progetto di riqualificazione fluviale in Finlandia.

Leggi il nostro report annuale 2014

2015: continuiamo a crescere e stiamo stringendo collaborazioni anche al di fuori dei confini europei

  See our annual report 2015