Il Collegio Arbitrale

Risoluzione delle controversie

EKOenergy logo with law sign §

Chiunque può inoltrare un reclamo contro una decisione (o l’assenza di una decisione) emessa dal Consiglio di EKOenergy o contro il modo in cui le regole di EKOenergy vengono attuate. Il reclamo deve essere indirizzato al Consiglio di EKOenergy, il quale sottoporrà quest’ultimo al Comitato Tecnico.

Il Consiglio di EKOenergy deve rispondere entro tre mesi ai reclami provenienti da:
• Membri del Network EKOenergy;
• Aziende che vendono EKOenergy;
• Produttori di energia elettrica (o i loro rappresentanti) in caso di decisioni che riguardino direttamente almeno uno dei loro impianti.

Nel caso in cui una delle parti sopraelencate non sia d’accordo con la risposta del Consiglio, essa potrà sottoporre il caso al Collegio Arbitrale.

Struttura del Collegio e procedura di reclamo

Il Collegio Arbitrale è composto da almeno tre esperti proposti dal Comitato Tecnico e nominati dal Consiglio di EKOenergy. La nomina è valida per cinque anni. All’interno del Collegio Arbitrale due posti sono riservati a: un esperto in problematiche ambientali; un esperto in energia elettrica rinnovabile. I gruppi di stakeholder competenti avranno l’opportunità di suggerire dei candidati. Almeno un membro del Collegio Arbitrale deve possedere una laurea in Giurisprudenza.

Clicca qui per leggere le regole e le procedure del Collegio Arbitrale (in inglese).

Di seguito i tre membri permanenti facenti parte del Collegio:

  • Avv. Peter De Smedt
    Presidente del Collegio. Avvocato di nazionalità belga specializzato in tematiche ambientali con una grande esperienza di consulenza per organizzazioni ambientaliste, autorità pubbliche (regione fiamminga e comuni) e società. Fa parte di numerosi Comitati Consultivi ufficiali.
  • Dott.ssa Vera Dua
    Attiva all’interno del Partito belga dei verdi dagli anni ’80 fino al 2011. È stata ministro fiammingo per l’ambiente e l’agricoltura dal 1999 al 2013. Ha fatto attivamente parte di diverse organizzazioni per la promozione dello sviluppo sostenibile. A partire dal 2013 è Presidente dell’organizzazione fiamminga Bond Beter Leefmilieu, “Federazione per un ambiente migliore”, che raggruppa diverse organizzazioni ambientaliste.
  • Dott. Peter Niermeyer
    Segretario Generale di RECS International.